PizTri Vertical a Malonno, campionato regionale assoluti e master di km verticale.

Sono Andrea Rostan (Atl. Saluzzo) e l’austriaca Andrea Mayr i vincitori dell’edizione 2022 del PizTri Vertical, il chilometro verticale di Malonno (Brescia) divenuto una delle gare più ambire di sola salita a livello internazionale. In Valle Camonica emerge in modo evidente la crescita agonistica di Rostan , che dopo aver chiuso  come primo italiano il Giir di Mont uphill di Premana (Lecco) è il primo assoluto al traguardo della gara camuna, piegando dopo il passaggio a Cap di Landò, quindi su pendenze più severe e un percorso più tecnico, la resistenza del keniano Philemon Kiriago. L’alfiere dell’Atletica Saluzzo trionfa con il nuovo record della competizione, 33:38: Kiriago è secondo in 34:05 e terzo, con un’ottima prova efficienza nella caccia alla maglia azzurra mondiale, è “l’hombre vertical” Henri Aymonod (34:38), portacolori dell’Unione Sportiva Malonno padrona di casa, a precedere lo sloveno Timotej Becan (34:45) e il britannico Chris Richards (34:49).  Il Piz Tri Vertical è anche Campionato Regionale Assoluto e Master di Chilometro Verticale e così Aymonod si prende pure la maglia più ambita in chiave lombarda: per l’US Malonno è doppietta grazie a Damiano Pedretti argento (sesto nella classifica generale) in 35:54 subito davanti ad Alex Baldaccini (GS Orobie), bronzo del Campionato Regionale e settimo nella generale con 36:03. Completano la top five regionale Andrea Prandi (Atl. Alta Valtellina) quarto (ottavo nella generale, 36:21) e Massimo Farcoz (US Malonno) quinto (nono nella generale, 36:26).

Nella categoria juniores da citare il 2° posto dell’azzurro Davide Curioni (GP Valchiavenna).

L’austriaca Mayr, autentica regina dei vertical, domina in modo assoluto la scena tra le donne: la sua azione è incisiva sin dall’inizio e la porta a trionfare in 37:55, con oltre due minuti e mezzo sulla seconda classificata, l’irlandese Sarah McCormack (40:32). Già in evidenza a Premana, Maddalena Somà (Roata Chiusani) ottiene una fragorosa conferma con la terza piazza in 40:58 e la palma di migliore delle italiane: la top five è completata dalla quarta piazza di Camilla Magliano (Pod. Torino) in 41:50 e dal quinto posto della slovena Mojca Koligar (43:22). Il Campionato Regionale Assoluto è affare tra due atlete della Recastello Radici Group: l’under 23 Vivien Bonzi è campionessa lombarda Assoluta davanti a Ilaria Bianchi in quello che è anche il duello per il sesto posto generale (44:43 per Bonzi, 45:01 per Bianchi). Medaglia di bronzo in 46 minuti netti per Stefania Cotti Cottini (GP Pellegrinelli), ottava al traguardo; nono posto nella classifica generale e quarta piazza nel Campionato Regionale Assoluto per l’evergreen Nives Carobbio (Atl. Paratico, 46:24).

CAMPIONATI REGIONALI PROMESSE E MASTER: I PODI – Uomini. Promesse: 1. Fabrizio Poli (FreeZone) 38:35, 2. Manuel Zani (GS Orobie) 39:20. Master A: 1. Luca Malgarida (US Malonno) 37:14, 2. Andrea Acquistapace (Amici Madonna della Neve Lagunc) 37:19, 3. Marco Malgarida (US Malonno) 38:57. Master B: 1. Franco Torresani (Atl. Paratico) 43:15, 2. Giuseppe Fumagalli (La Recastello Radici Group) 43:56, 3. Pietro Calufetti (US Malonno) 46:09. Master C: 1. Gianluigi Colombi (Atl. Casazza) 57:47, 2. Celso Quadroni (Amici Madonna della Neve Lagunc) 58:45, 3. Giovanni Zanni (Atl. Paratico) 1h02:36.

Donne. Promesse: 1. Vivien Bonzi (La Recastello Radici Group) 44:43, 2. Silvia Berra (Pol. Albosaggia) 49:37. Master A: 1. Ilaria Bianchi (La Recastello Radici Group) 45:01, 2. Stefania Cotti Cottini (GP Pellegrinelli) 46:00, 3. Alessandra Valgoi (Atl. Alta Valtellina) 52:15. Master B: 1. Nives Carobbio (Atl. Paratico) 46:24. 2. Maria Natalina Bonafini (US Malonno) 50:07, 3. Simona Ferrario (Campus Varese Runnes) 54:32. Master C: 1. Iole Ronchi (Atl. Paratico) 1h02:51.

Cesare Rizzi/FIDAL Lombardia

Domenica 7 agosto riflettori puntati sul Fletta Trail, vinto dal keniano Philemon Kiriago e dall’austriaca Andrea Mayr. A livello femminile 4° posto per Elisa Sortini (Atl. Alta Valtellina)

PhCredit Marco Gulberti

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.