GLACIER TRAIL: VITTORIE CON RECORD, ALESSANDRO ROSSI E SILVIA BERRA DOMINANO LA SECONDA EDIZIONE

L’attesa era per il record del percorso ed è arrivato, su entrambe le distanze, nel maschile e nel femminile, ma con vincitori diversi rispetto all’edizione 2021: la Glacier Trail, la gara organizzata dalla Sportiva Lanzada con partenza e arrivo da Campo Moro, seconda tappa del Gran Prix delle Valli di Sondrio della Fidal, non ha tradito le attese. Unanime il giudizio degli atleti, quasi 200 in totale: percorso bellissimo, scenario spettacolare. A differenza dell’anno scorso, sole splendente e cielo terso hanno accompagnato i concorrenti dall’inizio alla fine creando le condizioni ideali per gare appassionati. Nella 21 chilometri, che saliva fino ai 2630 metri del Passo Campagneda, hanno prevalso Alessandro Rossi, Sportiva Lanzada, e Silvia Berra, Polisportiva Albosaggia, entrambi atleti di spicco dello sci alpinismo. Per Rossi, che ha vinto il Trofeo Renato Parolini transitando primo sul traguardo volante del Rifugio Bignami, è stato un dominio: il suo vantaggio è via via cresciuto, salita dopo discesa, fino a raggiungere i cinque minuti finali: ha chiuso in 1h48’09”, tre minuti circa meglio del tempo fatto segnare dal vincitore della prima edizione, Marco Leoni, del Csi Morbegno, che ha dovuto accontentarsi della seconda posizione. Terzo si è classificato Matteo Porro, Gsa Cometa, quarto Simone Bertini, quinto un altro lanzadese, Raffaele Nana. ≪È sempre bello partecipare a questa gara – il commento di Rossi -. Ho avuto sensazioni positive fin dall’inizio: sono partito con il mio passo e gli altri si staccavano, a Campagneda ho controllato la discesa per arrivare al traguardo≫. Al femminile, Silvia Berra è partita più lenta della talamonese Cinzia Cucchi, Castelraider, prima della 12 chilometri l’anno scorso, vincitrice del Trofeo Renato Parolini. Nella seconda parte di gara l’allungo che ha consentito alla giovane campionessa di skialp di superare prima Raffaella Rossi, Team Valtellina, e poi la Cucchi per chiudere al primo posto in 2h19’43” con record del percorso. Dopo Cucchi, in ritardo di quasi sei minuti, seconda, più staccate sono arrivate la terza, Raffaella Rossi, la quarta, Guendalina Sibona, e la quinta, Lucia De Nale. ≪Mi piace correre queste gare lunghe per testare la mia tenuta in vista della stagione invernale – ha dichiarato Silvia Berra all’arrivo -. Sono molto contenta: la Glacier Trail è bellissima≫. Nella 12 chilometri si sono imposti Diego Rossi, Csi Morbegno, e Gaia Bertolini, Atletica Alta Valtellina. Il morbegnese ha chiuso in 1h03’18” su Federico Bardea, Sportiva Lanzada, arrivato con un minuto e mezzo di ritardo, che aveva condotto la gara fino a Campagneda per poi cedere. Terzo un altro morbegnese, Francesco Bongio, classe 2004, quarto Davide Mazzina, quinto Paolo Tagliaferri. Il vincitore dell’anno scorso, Roberto Pedroncelli, ha corso la 21 chilometri. Nella gara femminile Gaia Bertolini ha chiuso in 1h12’46” davanti a Ilaria Bianchi, Recastello, seconda classificata, staccata di cinque minuti, e a Sveva Della Pedrina, Gp Valchiavenna, terza. Giù dal podio Francesca Mottalini, quarta, e Savina Tagliasacchi, quinta.

Bilancio completamente positivo per la seconda edizione della Glacier Trail, ideata dal presidente della Sportiva Lanzada Serafino Bardea, per rinverdire i fasti della gloriosa skyrace Valmalenco-Valposchiavo. Ma su questo fronte ci sono novità importanti: dai confronti dei mesi scorsi tra lo stesso Bardea e Dario Marchesi, presidente del comitato svizzero, è emersa la volontà comune di organizzare di nuovo la Valmalenco-Valposchiavo. Un’edizione celebrativa che, ora è ufficiale, si svolgerà domenica 20 agosto 2023. È lo stesso presidente della Sportiva Lanzada, e anche vicesindaco del Comune di Lanzada, a darne notizia: ≪Ci tenevamo moltissimo e abbiamo lavorato per raggiungere l’obiettivo – spiega Bardea -: la gara che tutti ricordano, unica perché transfrontaliera, tornerà l’anno prossimo a unire di nuovo i due territori in questi anni impegnati nel progetto Interreg “B-Ice & Heritage”. Sarà un’altra occasione per ribadire la vicinanza tra i nostri territori e promuoverli in sinergia≫.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.