La due giorni dei campionati regionali allievi/e a Saronno, sabato 14 e domenica 15 settembre, ha regalato come sempre grandi ed emozionanti sfide per la conquista dei titoli individuali.

Discreta pattuglia di atleti della provincia di Sondrio grazie a GP Santi, GS Chiuro e GP Valchiavenna con una buona partecipazione nelle discipline cosiddette tecniche, a dimostrazione di come l’atletica provinciale si stia evolvendo. Occhi puntati sulle gare dei 2000 siepi dove il GP Santi Nuova Olonio schierava i suoi astri nascenti Greta Contessa e Davide Curioni. Per Greta una prima parte di gara in cui ha controllato e lasciato sfogare l’avversaria Camilla Galimberti (Bracco) per poi uscire sulla distanza e conquistare il titolo di campionessa regionale con il crono di 7’37”92, nuovo primato personale. Il compagno di squadra Curioni è sesto in 6’38”65 (anche per lui PB). Da citare, sempre per gli atleti allenati da Ivano Paragoni, il 10° posto del figlio Davide nei 1500 metri con il tempo di 4’19”47 (nuovo primato personale) e la partecipazione di Alice Tosarini alle batterie dei 100 metri.

Passando invece agli atleti del GP Valchiavenna allenati da Roberto Tonucci, da segnalare il buon 6° posto di Gabriele Biavaschi negli 800 metri con il crono di 2’00”43 e l’11° del compagno di squadra Nicola Fumagalli nei 3000 metri (9’25”44). Ottimo debutto per il compagno di squadra Stefano Sciucchetti nel lancio del giavellotto: al suo esordio in questa disciplina, con soli 3 allenamenti nelle braccia, l’atleta seguito da Giorgio Lerda ha conquistato il 6° posto mettendo a referto la misura di 43,99 metri (37,44 m, 41,39 m, 40,66 m, 39,55 m, 43,99 m la sua progressione).

Spazio poi agli atleti del GS Chiuro allenati da Raffaella Riva. Il migliore è Francesco Nanotti che alla sua prima gara nel lancio del disco da 1,5 kg debutta con un ottimo 4° posto grazie a una spallata da 38,90 metri (35,64 m, 34,97 m, 37,71 m, 38,90 m, 38,53 m, 35,55 m la sua progressione); il compagno di squadra Matteo Togno è ai blocchi di partenza di 100 e 200 metri: nella prima si ferma alle qualificazioni con 11”94, nella seconda il tempo di 24’57” gli vale il 19° posto. Vittorio Lanzini nel salto in alto valica l’asticella a 1,81 metri al terzo salto, primato personale migliorato di ben 6 centimetri e 7° posto in classifica (misura di ingresso 1,60 m, un nullo a 1,76 m, 2 nulli a 1,81 m e poi tre nulli a 1,83 m); la compagna di squadra Gessica Beretta è 20a nel salto in lungo con un balzo di 4,22 metri.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *