Ben 500 gli atleti partecipanti il 25 aprile 2019 al 30° Trofeo morbegnese – gara regionale di corsa su strada, CdS master e 2ª prova del Trofeo delle province lombarde 10K master – di cui la metà nella main race di 10 chilometri. Per il G.S. CSI Morbegno, società organizzatrice, la soddisfazione di portarsi a casa ancora una volta il Trofeo AVIS-AIDO Morbegno per la prima società, mentre l’Atletica Paratico ha primeggiato sia a livello maschile sia a livello femminile vincendo i due scudetti regionali di specialità. Sul percorso omologato di 2,5 chilometri da ripetere quattro volte nel suggestivo centro storico di Morbegno (SO) e arrivo davanti alla succursale della Banca Popolare di Sondrio, main sponsor della manifestazione, è stata bagarre fin dai primi metri con un folto gruppo di atleti a imporre il ritmo. Ma a metà gara il campione regionale di cross corto Mattia Sottocornola (Atletica Lecco), che abita a pochi chilometri da Morbegno, ha rotto gli indugi e forte di una condizione top ha fatto il vuoto. Metà della gara in solitaria ma con le gambe che giravano a mulinello. Sul traguardo Sottocornola ferma il cronometro a 32’32”, di 38” meglio di Massimiliano Zanaboni vincitore lo scorso anno e nuovo record della gara. Alle spalle del talamonese i migliori sono racchiusi in un minuto: bravo Bernardo Sassella (Atletica Alta Valtellina) a conquistare l’argento in 33’23” (1’21” meglio dello scorso anno), ottimo il campione italiano di corsa in montagna a staffetta master A Stefano Sansi a chiudere terzo in 33’28” (quasi un minuto meno del 2018) con alle calcagna Renato Tosi (Atletica Paratico\33’31”); leggermente in calo nel finale il capitano dei diavoli rossi Marco Leoni (GS CSI Morbegno\33’50”), mentre la top ten è completata da Cristian Menghi (GS Valgerola\33’52”), Francesco Marchetti (GS CSI Morbegno\33’59”), il campione italiano di corsa campestre Graziano Zugnoni (GP Santi\34’00”), l’azzurro di corsa in montagna Alessandro Rossi (AS Lanzada\34’15”) e Francesco Della Torre (La Recastello\34’24”). A livello femminile favoritissima d’obbligo l’azzurra di corsa in montagna e campionessa italiana di KM Verticale Elisa Sortini (Atletica Alta Valtellina). Con un pacemaker d’eccezione come il fidanzato Francesco Pedrazzoli, la vincitrice dell’ultimo Trofeo Vanoni ha fatto gara regolare chiedendo il suo primo diecimila in 37’25”. Distaccata di 1 minuto e mezzo la master 35 Loretta Bettin (Atletica Paratico\39’03”) e ottima terza la junior del GP Valchiavenna Cristina Molteni (39’48”). A completare la top five l’evergreen del GS CSI Morbegno Cinzia Zugnoni (39’54”) e Simona Fazzini (Premana\39’55”). Meritano una citazione i primi due allievi: Sveva Della Pedrina (GP Valchiavenna\44’57”) e Matteo Bardea (AS Lanzada\34’52”), oltre al “prete volante” Don Franco Torresani (vincitore nei master 55 e 24° assoluto in 36’12”) che durante la premiazione ha ricordato l’amico Gianpietro Bottà con il quale ha partecipato a diverse gare internazionali tra cui la Snowdon Race e il Monte Tabor.

Prima della gara omologata di 10 km si sono svolte le prove giovanili, su un percorso di 750 metri da ripetere più volte in base alla categoria, che assegnavano i titoli provinciali individuali di corsa su strada ed erano valide come 5ª prova del Trofeo giovanile Creval. Nelle ragazze, gara di 1500 metri, la spunta allo sprint Francesca Tirinzoni (GP Talamona) davanti a Melissa Bertolina (Atl. Alta Valtellina), podio completato da Denise Baroli (GS CSI Morbegno). Nei ragazzi, sempre sui 1500 metri, Daniele Ciaponi (GP Talamona) taglia per primo il traguardo, mentre al fotofinish si decide il 2° posto di Lorenzo Tomera (GP Valchiavenna) e il 3° di Marco Tunesi (Atletica Alto Lario). Nelle cadette, 2250 metri complessivamente, Alina Scottoni (GS Valgerola) dimostra di non andare forte solo in montagna, ma anche su strada, lasciando a 10’ Maria Gusmeroli (GP Talamona) e a 11’ Elisa Rovedatti (GS CSI Morbegno). Tre chilometri per i cadetti dove il morbegnese Francesco Bongio ha saputo gestirsi bene ed ha vinto mettendo dietro Gabriele Sutti (GS Valgerola) e Federico Bongio (GS CSI Morbegno). 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *