Si chiude una stagione complicata anche per la corsa in montagna. Senza i principali appuntamenti in maglia azzurra, ma con un’attività comunque significativa a livello nazionale. E sono state appena ufficializzate le classifiche dei Campionati di Società Assoluti dopo la terza e ultima prova, quella dedicata alle staffette a Morbegno (Sondrio) contestualmente al Trofeo Vanoni (25 ottobre): le prime due, tra le piemontesi Mompantero e Susa, erano andate in scena il 22-23 agosto in occasione dei Campionati Italiani individuali Juniores e Assoluti. Confermano i titoli assoluti l’Atletica Valle Brembana tra gli uomini e l’Atletica Saluzzo al femminile. Sugli altri gradini del podio maschile salgono Podistica Valle Varaita e Atletica Alta Valtellina (nelle prime otto anche Gruppo Sportivo Orobie quinto, Atletica Rodengo Saiano Mico sesta e AS Lanzada settima), invece tra le donne l’Atletica Lecco Colombo Costruzioni è seconda e l’Atletica Valle Brembana terza con la Polisportiva Albosaggia quarta.

Assegnati inoltre i tricolori di categoria: Seniores e Promesse per Atletica Valle Brembana (uomini) e Atletica Alta Valtellina (donne), Juniores rispettivamente ad Atletica Valle Brembana e Atletica Lecco Colombo Costruzioni. In precedenza, durante il mese di agosto, nelle classifiche giovanili hanno festeggiato il successo Podistica Valle Varaita con gli uomini (secondo il CUS Insubria Varese Como) e Sportclub Merano con le donne.  Tra gli Allievi e i Cadetti, doppia vittoria maschile dell’ASD Rigaudo I Love Sport e femminile ancora per lo Sportclub Merano.

Nelle lunghe distanze svettano Atletica Valli Bergamasche Leffe e Atletica Saluzzo, mentre nel chilometro verticale La Recastello Radici Group e Atletica Alta Valtellina. Quest’anno è stato introdotto anche il Grand Prix di Società, con il primo posto agli uomini dell’Atletica Valli Bergamasche Leffe (seconda La Recastello Radici Group) e alle donne del Gs Orecchiella Garfagnana (seconda l’Atletica Alta Valtellina).

I CLUB LOMBARDI IN TOP 8 DEI CAMPIONATI DI SOCIETÀ DI CATEGORIA – Seniores/Promesse M: 1. Atletica Valle Brembana, 2. Atletica Valli Bergamasche Leffe, 4. La Recastello Radici Group, 7. US Malonno. Seniores/Promesse F: 1. Atletica Alta Valtellina, 4. La Recastello Radici Group, 5. Free-Zone, 6. GE Falchi Olginatesi, 8. Atletica Lecco Colombo Costruzioni. Juniores M: 1. Atletica Valle Brembana, 2. Gruppo Podistico Valchiavenna, 3. Atletica Paratico, 4. GS Valgerola Ciapparelli, 5. Atletica Alta Valtellina, 8. AS Lanzada. Juniores F: 1. Atletica Lecco Colombo Costruzioni, 5. Pool Atletica Alta Valseriana, 8. Atletica Vallecamonica. Allievi: 3. CUS Insubria Varese Como, 5. GP Santi Nuova Olonio, 6. Gs CSI Morbegno, 7. AS Lanzada, 8. Atletica Lecco Colombo Costruzioni. Allieve: 4. Atletica Valle Brembana, 5. Atletica Lecco Colombo Costruzioni. Cadetti: 4. GP Talamona, 5. US Rogno, 7. CS Cortenova. Cadette:  3. Atletica Valle Brembana, 4. CS Cortenova, 6. Gs CSI Morbegno, 8. Polisportiva Albosaggia.

“Era fondamentale salvare il 2020 per quanto possibile – commenta il responsabile tecnico di corsa in montagna, trail e ultradistanze Paolo Germanetto – ed è stato completato quasi interamente il calendario dei campionati istituzionali, visto che non si è svolto soltanto il trail corto. Siamo quindi riusciti a fare la stagione, almeno entro i confini nazionali, grazie all’impegno degli organizzatori di gare storiche per il movimento: da Malonno a Susa, da Casto a Chiavenna fino a Morbegno, per citare alcune delle principali. Ci abbiamo provato, tutti insieme, e possiamo essere soddisfatti. Lo stesso intento ha dato vita all’unica occasione azzurra dell’anno per la corsa in montagna, l’incontro internazionale under 20 di inizio ottobre, per incentivare i ragazzi. Un’attività compressa, ma con una partecipazione molto qualificata anche di atleti stranieri”.

Notevoli i segnali di vitalità dal settore femminile – prosegue Germanetto – con due under 23 protagoniste nella rassegna assoluta, Gaia Colli e Alessia Scaini, e un’altra giovane come Francesca Ghelfi che ha vinto il titolo delle lunghe distanze. Volti nuovi, ma anche campioni affermati: nel finale di stagione si è rivista Valentina Belotti e al maschile sono arrivati gli acuti, in momenti diversi, di Cesare Maestri, Francesco Puppi e Xavier Chevrier. Un patrimonio tecnico proiettato sul nuovo format di Mondiali ed Europei, con quattro gare differenti, e quindi orientato alla specializzazione: da Henri Aymonod, che ha dominato nel km verticale per tutto l’anno, a chi si sta spostando verso l’ultratrail di 80 chilometri, a cominciare dal campione italiano Andreas Reiterer. Ma tutte le punte del movimento sono atleti dell’endurance in senso generale, validi anche nella mezza maratona o nel cross. E speriamo che il 2021 sia ricco di eventi: il recupero degli Europei, a Cinfaes in Portogallo per l’ultima edizione di tipo tradizionale, e dell’International U18 Cup ad Ambleside, in Gran Bretagna, nel cammino che condurrà al primo Mondiale con il nuovo programma (classic, vertical, trail lungo e corto), non ancora assegnato ufficialmente, che dovrebbe andare in scena a novembre del prossimo anno”.

Luca Cassai/Fidal.it

fonte: www.fidal-lombardia.it

QUI le classifiche complete

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *