Partiamo dall’inizio, ovvero da quando hai cominciato a correre. Premesso che vieni da una famiglia il cui nome viene subito associato all’atletica leggera. Con un padre, uno zio e un fratello che sono stati protagonisti in questo sport a vario titolo, com’è stato il tuo debutto in questo mondo?

Sono cresciuto sentendomi circondato dall’atletica e l’ho subito amata. All’età di 7-8 anni ho iniziato con un approccio giocoso e sereno basato sul divertimento dello stare in gruppo.  Successivamente, crescendo, ho iniziato a raccogliere ottimi risultati nel mezzofondo senza grossi allenamenti e ciò mi ha spinto ad affrontare questa disciplina con più impegno giungendo a gareggiare con alta competitività in gare di alto livello.

Un velocista in mezzo alle montagne, come mai?

Successivamente mi sono stancato degli allenamenti preparatori a stagioni da mezzofondista e mi sono lasciato rapire dal fascino delle brevi distanze a cui ben presto mi sono giurato fedele, iniziando una preparazione da velocista. Il cambio di disciplina, all’inizio, poteva sembrare un po’ azzardato e precipitoso, ma fin da subito si notava che la mia stoffa era quella del velocista. In meno di un anno nella categoria ragazzo (secondo anno ragazzo) ero migliorato molto portandomi ad essere già al primo anno allievo un ottimo velocista sugli 80 e 300 m fino a diventare, l’anno successivo, velocista di livello nazionale e atleta convocato dalla Lombardia per disputare il Criterium nazionale, gara destinata alla categoria cadetti, svoltasi a Cles.

3. Guardiamo alla stagione 2011: ti sei qualificato per i campionati italiani allievi ma poi non vi hai partecipato, come mai?

La stagione 2011 mi ha procurato molte soddisfazioni fra cui spicca il record provinciale assoluto (22.72) che mi ha permesso, con grande margine, di abbattere il minimo per i campionati italiani di categoria a cui però ho scelto di non partecipare in quanto non  al massimo delle mie condizioni.

4. Il tuo risultato più importante finora ottenuto è sicuramente l’eccellente prestazione sui 200 metri che hai corso in 22″72 (migliorandoti di più di un secondo nel corso dell’anno), che risulta essere il nuovo primato provinciale sulla distanza. Dopo più di 50 anni (ricordiamo i fasti ormai lontani di Giancaterino e Carbonera negli anni ’60) a Sondrio si scopre un velocista di talento. Ci vuoi raccontare la tua gara da record (corsa sulla pista di Mariano Comense il 23 giugno scorso)?

Il 23 giugno 2011, dopo aver corso poco più di una settimana prima un 200 m a Chiuro in un buon tempo di 23.30, ho deciso di partecipare ad una gara aperta a tutte le categorie a partire dagli allievi sulla ben conosciuta pista di Mariano Comense. Ho affrontato la gara con molta tranquillità e sicurezza, nonostante i continui ritardi sull’orario di inizio evento. In base al buon tempo registrato nella gara precedente, sono stato inserito nella seconda batteria comprendente esclusivamente promesse e atleti di livello assoluto. Con un’ottima partenza sono riuscito a guidare la gara fino ad una trentina di metri dal traguardo fermando il cronometraggio su un inatteso 22.72 che mi ha portato ad essere fra i primi atleti di categoria in Italia.    

5. 100, 200, salto in lungo e salto in alto. In provincia non hai rivali in nessuna di queste specialità, ma se dovessi scegliere, quale ti è più congeniale?

Per ora preferisco dedicarmi ai 100m, 200m, 400m, ma in futuro penso di specializzarmi soprattutto nei 200m con sguardo sui 400m. I salti per ora li pratico solo per divertimento senza preparazione specifica ottenendo comunque discreti risultati.

6. Come si allena un velocista come te?

Per il momento l’allenamento che seguo è abbastanza leggero, basato soprattutto sulla mobilità, scioltezza e frequenza nel periodo invernale mentre nel periodo outdoor basato soprattutto su ripetute e miglioramenti tecnici con alcuni leggeri esercizi di potenziamento.

7. Stai facendo un pensierino alla stagione indoor o aspetti la primavera per gareggiare?

Probabilmente mi cimenterò in qualche gara indoor, ma senza particolari ambizioni in quanto la preparazione invernale è sempre particolarmente difficile da gestire, dunque il mio sguardo è puntato sulla stagione outdoor.

8. Non solo atletica: quali sono i tuoi interessi?

Ho molti interessi come la musica, la lettura, il teatro, il cinema… e la scuola mi assorbe parecchio.

PRIMATI PERSONALI

60 HS H 60Pista10.402008Chiuro
60 PIANIIndoor7.432015Bergamo
60 PIANIPista8.262008Chiuro
80 PIANIPista9.65+1.32016Pavia
100 METRIPista11.40+0.42019Chiuro
150 METRIPista17.48+1.12015Cernusco Sul Naviglio
200 METRIPista22.72
(nuovo record provinciale assoluto)
+0.62011Mariano Comense
300 PIANIPista37.022015Cernusco Sul Naviglio
400 METRIPista51.672013Milano Arena
400 METRIIndoor53.412014Genova
600 METRIPista1:48.82006Chiuro
1000 METRIPista3:12.22007Chiuro
PESO/SP KG 6.000Pista9.242013Milano Arena
PESO/SP KG 7.260Pista8.222015Chiuro
SALTO IN ALTO/HJPista1.552011Chiuro
SALTO IN LUNGO/LJPista5.96+0.12012Chiasso
SALTO IN LUNGO/LJIndoor5.602010Castenedolo

staffetta svedese (nella foto da sinistra: Raffaele Silvani, Giorgio Gianatti, Andrea Zoanni, Dario Maurutto): 4’56”67 (miglior prestazione stagionale 2010 categoria cadetti)

Data intervista: gennaio 2012

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *