Elisa Sortini

Si avvicina il 7 luglio e si avvicinano i Campionati europei di corsa in montagna che si svolgeranno quest’anno a Zermatt. Per gli under 20 la convocazione in azzurro era in palio al Jack Canali ed è stata conquistata dagli junior valtellinesi Katia Nana e Alessandro Crippa. Per la categoria seniores invece la prova di selezione si è svolta domenica 9 giugno a Gazzaniga (BG) organizzata dalla Recastello Radici Group su un tracciato di 10 km e 1060 metri di dislivello. Prova maiuscola a livello femminile per Elisa Sortini (Atletica Alta Valtellina) che ha vinto in 1h00’40” lasciando a 51” la campionessa italiana lunghe distanze Erica Ghelfi (Podistica Valle Varaita); a completare il podio l’azzurrina Alessia Scaini (Atl. Saluzzo\1h03’40”). Queste le parole di Sortini nel post race:” La Nazionale, vestire la maglia azzurra per questi europei 2019 era un mio obbiettivo, ho dovuto cambiare un po’ i miei programmi proprio nel momento clou della stagione per un problema al ginocchio ma alla fine alla gara di selezione sono riuscita a confermarmi e ora non vedo l’ora di concentrarmi sull’europeo di Zermatt”. “Sono partita subito prendendo il mio ritmo e mi sono ritrovata sin da subito sola – continua Sortini – sapevo però che Erica Ghelfi, che ha corso con i me i mondiali dello scorso anno, è molto forte in salita e la gara era lunga e quindi poteva rimontare, così come le altre giovani promesse agguerrite, però alla fine sono arrivata sola al muro finale del Monte Poieto a guadagnarmi la maglia azzurra con un primo posto”. “I complimenti a La Recastello – conclude Elisa – che ha organizzato un’ottima prova di selezione su un tracciato davvero molto bello, vario, con tratti impegnativi alternati a tratti veloci, tutto da correre e senza mai mollare”. Da citare anche l’8° posto di Elisa Compagnoni (Atl. Alta Valtellina).

A livello maschile, subito in fuga Nadir Cavagna, Martin Dematteis, il rientrante Cesare Maestri e Davide Magnini. Ed è proprio quest’ultimo ad averne più di tutti, tant’è che dopo circa 7 chilometri è già solo al comando con un vantaggio di circa 20 secondi, distacco che aumenta sull’erta finale. Magnini vince a braccia alzate dopo 51’20” di fatica, alle sue spalle Cesare Maestri (Atletica Valli Bergamasche\52’23”) e Martin Dematteis (Corrintime\52’29”).  Per la Valtellina in gara Francesco Pedrazzoli (Atl. Alta Valtellina\34°).

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *