MONTAGNA. L'ITALIA E' CAMPIONE DEL MONDO

In Galles gli azzurri conquistano la corona iridata e Bernard Dematteis sale finalmente sul podio individuale conquistando l'argento. Quarti posti per le donne, le due squadre junior e Davide Magnini.


L’Italia è campione del mondo di corsa in montagna. Oggi sabato 19 settembre, a Betws Y Coed, in Galles, gli azzurri hanno vinto i Campionati Mondiali di corsa in montagna, rompendo un dominio africano che durava dal 2007. A trascinare il team italiano in cima al podio è uno straordinario Bernard Dematteis, argento individuale dopo una gara d’attacco, conclusa (in 49:44) alle spalle del solo Fred Musobo (Uganda, 49:00). Il gemello Martin è quarto, ad appena 10 secondi (50:41) dal bronzo finito al collo del britannico Robbie Simpson (50:31). Completano una grande prestazione corale, con tutti e sei gli atleti nelle prime 18 posizioni, il 7° posto di Xavier Chevrier (51:36), il 12° di Alex Baldaccini (52:09), il 16° di Luca Cagnati (52:56) e il 18° di Alessandro Rambaldini (53.12).


“E’ un sogno che si avvera - dice Bernard Dematteis subito dopo il traguardo, con la voce rotta dall’emozione - un sogno che inseguo da otto anni e che si è realizzato proprio oggi, in Galles. L’atletica e la corsa in montagna sono parte di me, fino dentro al midollo. La corsa mi ha dato gioia e speranza anche nei momenti più bui. Dopo quattro medaglie di legno ai mondiali oggi finalmente mi sono preso questa agognata medaglia: io, e ancora di più Martin, quest’anno abbiamo passato momenti personali difficilissimi. Ecco io oggi guardo in alto, al cielo, e ringrazio chi ci ha aiutati”.


In Snowdonia (terra di classicissime della specialità, come la Snowdon di Llamberis, e sede una settimana fa della rassegna master) l'Italia però si trova a sfiorare più volte il podio, in quella che -prima dell'apotesi finale - sembra una di quelle giornate in cui la fortuna guarda altrove. Le donne sono quarte, guidate da Alice Gaggi che si arrampica fino al quinto posto (39:13) in una gara difficilissima, vinta dalla giovane ugandese Stella Chesang (37:52) davanti alle padrone di casa Emily Collinge ed Emma Clayton. Samantha Galassi è 12esima, Ivana Iozzia 16esima. Solo cinque punti separano le azzurre (quest'anno prive di alcuni dei nomi storici della specialità) dalle ugandesi che si prendono il bronzo, dietro alle britanniche e alle statunitensi.


Ad accarezzare quella che sarebbe stata un'impresa clamorosa sono però le ragazze under20, che tornano a casa con una medaglia di legno ancora più beffarda, perchè ottenuta con gli stessi punti (20) delle turche di bronzo. Roberta Ciappini e Giulia Zanne sono rispettivamente sesta e quattordicesima, costrette a rinunciare anche al supporto di Alessia Zecca frenata da una storta alla caviglia rimediata durante la gara.


Vincono le ceche davanti alle britanniche. Quarto posto anche per gli juniores, con Davide Magnini a un passo dalla medaglia: anche lui, come Martin Dematteis, arriva a dieci secondi esatti (36:03) dal terzo posto che va al turco Goksel Mustafa (35:53). Vince l'altro turco Ferhat davanti allo statunitense Thomet Levi. Turchia, USA e Gran Bretagna sul podio a squadre.


Anna Chiara Spigarolo

(FIDAL.IT)

FOTOGALLERY

(thanks to: Giovanni Tacchini)