FESTA PROVINCIALE DELL’ATLETICA: PREMI PER 300 ATLETI

Società vincitrici dei CdS
Società vincitrici dei CdS

Tanti ospiti e un Policampus gremito di atleti e dirigenti sabato 22 dicembre per la 14esima edizione della “Festa provinciale dell’atletica” organizzata dal Comitato provinciale Fidal Sondrio. A fare gli onori di casa il presidente Giovanni Del Crappo, affiancato dai consiglieri Fabrizio Sutti, Ivano Paragoni ed Emanuela Pedrola, dal responsabile del settore informatico Francesco Lietti, dall’addetto stampa Cristina Speziale e dallo speaker Fabiano Nana. Graditi ospiti, che hanno sottolineato l’importanza dello sport e dell’atletica in particolare, il presidente della Fidal Lombardia Gianni Mauri, l’assessore allo sport della Provincia di Sondrio Franco Angelini, l’assessore allo sport del Comune di Sondrio Michele Diasio, il vice provveditore agli studi Erminio Tognini e il responsabile dell’info point di Sondrio del CONI Ettore Castoldi. “L’atletica in provincia di Sondrio vanta numeri importanti – ha esordito nel saluto iniziale Del Crappo – 2480 tesserati, 22 società affiliate, 35 giudici e 50 tecnici. Un movimento in salute con tante gare e tante manifestazioni, 2 in particolare di altissimo livello in provincia nel 2018: la WMRA Youth Cup organizzata dalla Sportiva Lanzada a giugno e il tradizionale Trofeo Vanoni ad ottobre a Morbegno. Senza dimenticare le tre rappresentative organizzate: la foto del manifesto della Festa ritrae i ragazzi sorridenti che hanno partecipato al Trofeo delle Province, con il motto “correre insieme significa vincere insieme” a dimostrazione del vero spirito che anima l’atletica”. “Per il 2019 – ha continuato Del Crappo – il mio obiettivo è far scoprire l’atletica a un numero ancora maggiore di giovani, magari con un progetto supportato da CONI, Provveditorato e Provincia”. Invito che è stato prontamente raccolto dalle autorità presenti. La Festa si è aperta con una dedica speciale a Gianpietro Bottà, atleta e dirigente del CSI Morbegno, speaker di manifestazioni sportive, era nato nel 1945 ed è stato il promotore dal lato italiano del gemellaggio di Morbegno (SO) con Llanberis (Galles). Negli anni Settanta fu uno dei massimi promotori, insieme a Raimondo Balicco e Angelo De Biasi, dell’ingresso della corsa in montagna in ambito federale.  Gianpietro ricevette un premio speciale alla carriera dalle mani del presidente del Comitato Regionale FIDAL Lombardia Gianni Mauri in occasione della Festa dell’Atletica Lombarda 2017. A livello provinciale fu consigliere della Fidal Sondrio e responsabile della corsa in montagna dal  2009 al 2016.

Le lunghe premiazione sono iniziate con i 144 giovani che hanno raggiunto il numero minimo di prove richiesto dal Trofeo giovanile Creval: atleti delle categorie esordienti, ragazzi e cadetti che sono stati premiati non per i piazzamenti, ma per aver provato con impegno e passione tutte le discipline dell’atletica leggera (corsa campestre, su strada, in pista, in montagna).

Spazio poi ai 196 campioni provinciali 2018, sembrano tanti, ma tante sono le categorie (da ragazzi a master) e le specialità dell’atletica leggera.

Diplomi e applausi anche per le società che hanno vinto i Campionati provinciali di società nei diversi settori: GP Santi Nuova Olonio, GP Valchiavenna, GS CSI Morbegno, Polisportiva Albosaggia, GS Valgerola e GP Talamona.

E’ stata poi la volta degli atleti meritevoli, coloro che nel corso del 2018 sono saliti sul podio a livello regionale, nazionale o internazionale, hanno vestito la maglia azzurra od ottenuto il minimo per i campionati italiani: Elisa Rovedatti, Maria Gusmeroli, Serena Lazzarelli, Matteo Bardea, Oliviero Curti, Nicola Fumagalli, Mattia Tacchini, Davide Curioni, Alessandra Succetti, Lorenzo Moizi, Gabriela Martelli, Anna Tosarini, Gabriele Biavaschi, Gianluca Nesossi, Rocco Baldini, Stefano Bonomi Boseggia, Patrizio Fabiano, Daniele Molatore, Saverio Steffanoni, Cristina Molteni, Eleonora Fascendini, Elisa Compagnoni, Elisa Desco, Guido Rovedatti

Alessandro Gusmeroli, Stefano Sansi, Graziano Zugnoni, Manfred Di Blasi, Ivonne Martinucci, Paolo Donà, Giuseppe Tangherloni, Giorgio Lerda.

Gran finale con la “Menzione d’onore” per l’impegno e i risultati ottenuti a: Carluccio Bordoni, Marco Simonini, Giovanni Rossi, Alessandro Rossi, Elisa Sortini, Mery Ellen Herman, Cinzia Zugnoni e Patrick Olcelli.