60° TROFEO VANONI: iniziato il conto alla rovescia

Al giorno d’oggi ci vuole sempre un “hashtag” e anche il Trofeo Vanoni, seppure un po’ attempato con i suoi 60 anni, resta al passo con i tempi. “Quest’anno sarà un grande Vanoni – inizia a spiegare il vicepresidente Marco Leoni – come sempre e anche di più perché 60 edizioni, per una manifestazione sportiva, non sono poche e il compleanno va festeggiato in grande stile”. Per prepararci a quello che ormai è un vero e proprio evento sportivo che travalica i confini nazionali, e che quest’anno sarà pure Campionato italiano di corsa in montagna a staffetta, basterà seguire la pagina Facebook del Trofeo Vanoni e il nuovo sito www.trofeovanoni.it. Per il resto bisognerà solo presentarsi a Morbegno (SO) il 22 ottobre: nelle vesti di atleta, dirigente, tecnico, accompagnatore, appassionato, tifoso o curioso, poco importa perché al Trofeo Vanoni tutti sono protagonisti e tutti contribuiscono a creare quell’atmosfera unica che solo il “Mondiale delle foglie morte”, come è stato soprannominato, fa vivere. Il Trofeo Vanoni è la storia della corsa in montagna, è la storia di una passione, è la storia di amicizie nate sui campi gara e cresciute oltre, è la storia di un gemellaggio tra Morbegno e Llanberis, è la storia di un gruppo sportivo, il CSI Morbegno, che da 60 anni trasforma Morbegno nella capitale della corsa in montagna coinvolgendo tutta la città.

 

“Fondamentalmente il Trofeo Vanoni è uguale a se stesso da 60 anni – continua Marco Leoni – praticamente invariato il percorso tecnico e impegnativo, stessa formula a staffetta, insostituibile pubblico che sostiene tutti gli atleti in gara. Ma questo restare ancorati al passato non ha fatto perdere smalto e seguito alla gara, anzi”. “Siamo orgogliosi che il Vanoni sia rimato sempre uguale, anche se ovviamente cerchiamo di restare al passo con i tempi – conclude Leoni – soprattutto per quanto riguarda la promozione e visibilità dell’evento. Non possiamo svelarvi ancora nulla, ma l’11 ottobre ci sarà la conferenza stampa di presentazione alla quale siete tutti invitati, nel mentre seguiteci su Facebook e iniziate a guardare il manifesto”.