CAMPIONATI ITALIANI MASTER: Titolo per Enzo Vanotti nei 10.000 metri, argento per il GP Valchiavenna, bronzo per Cinzia Zugnoni

Al rinnovato campo sportivo Virgilio di Mantova, due giornate di sfide il 3 e 4 giugno per i Campionati Italiani Master di prove multiple, 10.000 metri e staffette con ben 94 titoli italiani assegnati e 17 primati nazionali battuti.

 

Ottimi piazzamenti per gli atleti della provincia di Sondrio, su tutti Enzo Vanotti (G.P. Santi Nuova Olonio) che ha vinto il titolo italiano master 55 nei 10.000 metri con l’ottimo crono di 34’52”89. Sulla stessa distanza Cinzia Zugnoni (G.S. CSI Morbegno) ha conquistato l’ennesima medaglia di bronzo nelle master 45 con il tempo di 41’11”64.

Doppio impegno per il G.P. Valchiavenna nelle staffette: se nella 4x400 master 45 ha vinto la sfortuna con Athos Della Mano che si è infortunato cadendo nel primo cambio - ma la staffetta è arrivata comunque alla fine conquistando il 6° posto di categoria (gli altri staffettisti Claudio Succetti, Enrico Ghelfi, Riccardo Lerda) - nella 4x1500 master 40 è arrivata la medaglia d’argento grazie ad Alessandro Paggi, Alessandro Ravo, Fabrizio Triulzi e Riccardo Lerda con il tempo di 18’46”20 alle spalle dei neo-primasti europei della SEF Stamura Ancona (17’25”68).

Impegnato nel decathlon il polivalente atleta del G.S. CSI Morbegno Manfred Di Blasi che ha chiuso al 6° posto nei master 45, queste le sue prestazioni: 100 metri 13”76, lungo 5,26 metri, alto 1,63 metri, 400 metri 57”72, 110 ostacoli 22”10, disco 23,57 metri, asta 2,40 metri, giavellotto 24,67 metri, 1500 metri 5’36”71.

 

LA SINTESI DI CESARE RIZZI (FIDAL LOMBARDIA)

 

Fra le migliori prestazioni italiane, tre arrivano dalle prove multiple e 14 dai quartetti. Nel decathlon Hubert Indra (Sudtirol Team Club), già detentore dei primati SM40, SM50 e SM55, al primo week-end “multiplo” da SM60 aggiunge oltre 1300 punti al precedente limite di Sergio De Pretis: 6298 punti il limite precedente del milanese, 7611 il nuovo record dell’altoatesino. Nell’eptathlon SF40 Sara Colombo (Atl. Monza), vicecampionessa europea indoor di pentathlon, porta la MPI che già deteneva da 4763 punti a 5113, per un notevole +350. Daniela Fassi (Atl. Varazze) con 4446 punti si prende la MPI SF55 con 20 punti di margine sul precedente limite.

 

Nelle staffette a far la parte del leone è l’Amatori Masters Novara, che inserisce nell’albo delle migliori prestazioni italiane tre nuovi limiti in categorie di età nuove per le specialità: i pluridecorati tricolori Antonio Nacca ed Ernesto Minopoli assieme a Carlo Satragni e Francesco Paderno timbrano 1:23.20 nella 4x100 SM85; Nacca, Minopoli e Paderno con Luigi Carnevale fissano a 7:11.88 la MPI SM80 della 4x400; l’infaticabile Nacca, Carnevale, Paderno e Luigi Del Mastro completano la 4x1500 SM80 in 32:53.53.

 

Altri due primati arrivano sulle 4x100: nella categoria SM40 la Toscana Atletica Futura di Daniele Della Vedova, Giovambattista Pollicino, Paolo Salvadori e Andrea Benatti con 44.59 toglie 4/100 al precedente limite fissato a 44.63 dall’Atletica Leggera Portici nel 2015. Tra gli SM60 Marco Bianchi, Antonio Rossi, Corrado Rossetti e Vladimiro Margutti confezionano un 50.63 che permette all’Athlon Bastia di limare di quasi un secondo la MPI a 51.51 dell’Atletica Ambrosiana. Nella staffetta del miglio la Virtus Castenedolo migliora il primato SM50: con 4:41.72 Pierluigi Acciaccaferri, Walter Comper, Claudio Fausti e Francesco D’Agostino tolgono un secondo e spiccioli al 3:42.89 detenuto già dal club bresciano (quartetto per tre quarti identico: è entrato Acciaccaferri per Paolo Lombardi).

 

Record a pioggia nella 4x1500: ben cinque, compreso il già citato limite SM80 targato Novara. Sef Stamura Ancona (Giovanni Francavilla, Andrea Frezzotti, Pietro Pelusi e Luigi Del Buono) e Sportiamo (Carlo Spinelli Barrile, Alessandro Zacchigna, Manuel Dalla Brida e Alessandro Maraspin) abbattono rispettivamente i limiti SM40 (17:25.68: il precedente era 17:36.99 realizzato dallo stesso club con quartetto per tre quarti identico) e SM45 (17:45.42, quasi 10 secondi in meno del 17:55.07 della Villa Guglielmi). Un marciatore, Ettorino Formentin, apre la staffetta-record dell’Us Quercia Trentingrana tra gli SM65: Mauro Bianchi, Umberto Gios e Bernhard Eisenstecken completano l’opera in 22:28.68 (precedente MPI: 23:05.46 di Masteratletica). L’Atletica Novese con Vincenzo La Camera, Francesco Minervini, Carlo Mazzarello e Franco Dossena porta la MPI SM70 da 27:44.64 a 24:50.75 per una media di poco più di 6:12 a frazione.

 

L’Atletica Lonato Lem Italia di Paola Rosini, Laura Avigo, Valeria Gallina e Lia Tavelli abbassa la MPI SF40 della 4x800 da 10:47.64 a 10:23.30. Doppia MPI per l’Atletica Aviano: nella 4x800 SF65 con Rossella Viol, Maria Romano, Angela Pin e Anna Maria Marcuzzi in 15:18.72 (primo crono di un quartetto di categoria) e nella 100+200+300+400 SF75 con Erminia Furegon, Maria Cristina Fragiacomo, Jole Sellan e Franca Fenos in 4:25.01 (in entrambi i casi, primo crono di un quartetto in Italia nella fascia d’età). Infine la Trieste Atletica (Maria Sangermano, Paola Capitanio, Alessandra Grasso e Betina Prenz) fa segnare con 2:37.38 il limite SF55 nella 100+200+300+400 (precedente: 2:41.00 dell’Assi Giglio Rosso Firenze).