1° INDOOR MORBEGNESE: 140 esordienti tutti protagonisti

Formula vincente e formula entusiasmante: l’idea di proporre delle gare indoor per le sole categorie esordienti è stata azzeccata più che mai. Dopo le prime l’esperienza ad Albosaggia quest’anno anche a Morbegno è stato successo pieno con 140 ragazzi dai 6 agli 11 anni che hanno corso, saltato e lanciato sabato 15 marzo u.s. nella palestra di S. Antonio. Perfetta l’organizzazione del G.S. CSI Morbegno IVC Rovagnati Autotorino che ha permesso un rapido svolgimento di tutte le prove e premi per tutti, indipendentemente dai piazzamenti perché nelle prove per gli esordienti, indoor e outdoor, non è la classifica quella che conta, ma la voglia di scoprire l’atletica e divertirsi con i coetanei. “Il vero spirito di queste prove è che tutti sono protagonisti – spiega il presidente del G.S. CSI Morbegno IVC Rovagnati Autotorino Giovanni Ruffoni – i ragazzi partecipano in squadre di 3 o 4 elementi, contribuendo tutti al risultato finale”. “Le prove proposte – continua Ruffoni – sono un po’ diverse dalle classiche gare in pista perché sono adattate alla fascia d’età dei giovanissimi”. Ecco quindi che invece del salto in lungo si fa il salto della rana, che invece del getto del peso c’è il vortex di precisione e le staffette non sono in corsia, ma sfide a 2 squadre con giro della palestra: ovvero l’atletica proposta come un gioco. E per capire quanto i bambini si siano lasciati coinvolgere ed entusiasmare bastava vedere e sentire i cori da stadio al momento delle staffette: tutti facevano il tifo a tutti perché nell’atletica nessuno fa panchina e tutti sono protagonisti.

Ora si passerà alla fase outdoor:“Queste prove - spiega il presidente della Fidal Sondrio Mauro Rossini – permettono di dedicare tutta l’attenzione agli atleti più giovani che sono i veri protagonisti della giornata. L’atmosfera che si respira è diversa, si pensa di più al divertimento e meno all’agonismo e i ragazzi hanno così l’opportunità di scoprire le varie discipline dell’atletica senza l’assillo della classifica”. “Quest’anno saranno riproposte le tappe di Regoledo e Morbegno – continua Rossini - e speriamo che anche l’alta Valtellina ripeta l’esperienza dello scorso anno”.

FOTOGALLERY