FESTA REGIONALE DELL'ATLETICA: A Milano, premiata Alice Gaggi Scudetto per il CSI Morbegno e l'AS Lanzada

Premiazioni 2013 per la Fidal con le eccellenze lombarde “in vetrina” sabato 11 gennaio u.s. al Crowne Plaza Hotel di San Donato Milanese, alla presenza del presidente nazionale Alfio Giomi, dell’assessore regionale allo sport Antonio Rossi, del presidente onorario del CONI Lombardia Pino Zoppini. A fare gli onori di casa la presidente del comitato regionale Fidal Lombardia Grazia Vanni:”Per noi è una grande festa: non abbiamo mai portato tanti atleti in Nazionale come nel 2013 e abbiamo vinto qualcosa come 66 titoli italiani individuali e 17 scudetti di società. Un’altra soddisfazione è stata vedere l’Arena di Milano piena di gente per un’edizione dei tricolori Assoluti da ricordare. Un grazie va anche al Credito Valtellinese (rappresentato in sala dal vicedirettore generale Umberto Colli), il nostro appassionato partner”. Il presidente Giomi ha ribadito invece come “per l’atletica italiana la Lombardia e il suo movimento sono imprescindibili, anche per riuscire a riportare in alto la cultura dell’atletica partendo dalla scuola”. Lunghissimo l’elenco dei premiati: 182 atleti, 34 società sportive, 4 istituti scolastici, 4 giudici di gara e 2 allenatori. Tra di essi l’A.S. Lanzada, vincitrice nel 2013 del titolo italiano di società allievi di corsa in montagna e del Campionato regionale di società di corsa in montagna cat. ragazzi/e-cadetti/e, e il G.S. CSI Morbegno IVC Rovagnati Autotorino vincitore del Campionato regionale di società di corsa in montagna allievi, junior, promesse e senior maschile e femminile. Due riconoscimenti speciali sono finiti agli atleti della regione che – pur non difendendo più i colori di società lombarde – hanno portato in alto a livello mondiale il nome della nostra atletica. Fabrizio Schembri, 32enne carabiniere di Rovellasca cresciuto nella locale Atletica Rovellasca, ricorderà a lungo questo 2013 non solo per la finale dei Mondiali di Mosca dove ha chiuso ottavo, ma anche per il titolo italiano Assoluto vinto per la seconda volta dopo il 2009 all’Arena di Milano e per il bronzo ai Giochi del Mediterraneo.   Alice Gaggi, valtellinese di Faedo nata atleticamente nel GS Valgerola (ora è tesserata per il Runner Team 99 di Volpiano), sul tetto del mondo c’è invece salita: è accaduto nella corsa in montagna nella polacca Krynica-Zdroj l’8 settembre, proprio nel giorno in cui l’atleta allenata da Gianni Fransci  ha compiuto 26 anni. Per celebrare anche in pianura l’eroina della corsa in montagna Gianni Mauri le ha proposto uno spettacolare ingresso avvolta nella bandiera tricolore: “Non avrei mai pensato di poter arrivare un giorno al titolo mondiale - le sue parole -, ai ragazzi dico di crederci sempre: con la costanza si può arrivare in alto”.