56° TROFEO VANONI   Il CSI Morbegno svela le sue carte: tante novità e numerosi atleti stranieri

Giù i veli. Il G.S. CSI Morbegno IVC Rovagnati Autotorino è pronto per un’altra edizione del Trofeo Vanoni, la più longeva gara di corsa in montagna d’Italia che quest’anno ha raggiunto la 56ª edizione. Nella conferenza stampa di mercoledì 16 ottobre u.s. nella Sala Consiliare del Comune di Morbegno sono state svelate le novità di quest’anno e i nomi dei top runners che si presenteranno al nastro di partenza. L’entusiasmo della società organizzatrice è sempre al massimo, nonostante passino gli anni e crescano le difficoltà organizzative: ”Penso che quello di quest’anno – ha confessato il presidente dei diavoli rossi Giovanni Ruffoni – sarà una delle migliori edizioni in quanto a numeri, internazionalità e manifestazioni collegate”. Il Trofeo Vanoni non è solo una gara di corsa in montagna, è un vero e proprio evento sportivo atteso da tutta la cittadinanza e dai migliori atleti europei. “Il Trofeo Vanoni chiude quello che è l’ottobre morbegnese – ha dichiarato il Sindaco Alba Rapella – ovvero un mese dedicato alla promozione del nostro territorio dal punto di vista eno-gastronomico, culturale e sportivo. Il CSI Morbegno è sempre impeccabile nell’organizzazione che vede al fianco generazioni diverse unite dallo scopo comune di proporre una grande manifestazione”. Madrina della serata non poteva che essere la campionessa del mondo di corsa in montagna Alice Gaggi che a Morbegno risiede e che di Vanoni ne ha già vinti due: uno a livello individuale nel 2011 e l’altro in coppia con la compagna di squadra Valentina Belotti lo scorso anno. “Ormai siamo a fine stagione – ha ammesso Gaggi – e dopo una stagione così intensa le energie sono un po’ calate così come lo stato di forma. Io comunque farò del mio meglio perché il Vanoni è la mia gara del cuore che ho iniziato a correre fin dalla categoria cadette”. “La concorrenza non manca – ha concluso Gaggi – sia da parte delle atlete straniere, la slovena Mateja Kosovelj e la ceca Eva Skalnikova in primis, sia dalle italiane”.

 

Alla conferenza stampa erano presenti anche il responsabile nazionale Fidal del settore corsa in montagna Fabrizio Anselmo, il consigliere regionale Fidal Alberto Rampa, il presidente provinciale Fidal Mauro Rossini, insieme alla vicepresidente Virna Tavelli, al segretario Paolo Della Patrona e ai consiglieri Pietro Passerini e Gianpietro Bottà, il presidente del Comitato provinciale CSI di Sondrio Delio Fazzini, il presidente AVIS Morbegno Rocco Acquistapace e il presidente AIDO Morbegno Maurizio Leali.

 

LE NOVITA’ DELLA 56esima EDIZIONE

  • sabato 26 ottobre alle ore 15.00 presso la Sala Boffi in piazza S. Antonio il CONVEGNO “La nutrizione nel corridore e negli sport di resistenza”, con l’egida del Centro Studi&Ricerche della Fidal e della Scuola Regionale dello Sport del CONI, relatore il dott. Stefano Righetti, moderatore il prof. Fabrizio Anselmo
  • domenica 27 ottobre in piazza S. Antonio “EXPO RUNNING” con le migliori aziende del settore (Crazy Idea, La Sportiva, Scott, CEP, Brooks, New Balance)
  • DIRETTA STREAMING delle gare con TeleStudio8 (www.telestudio8.com) e il commento tecnico di Paolo Germanetto

 

I MIGLIORI AL VIA

Record di presenze straniere quest’anno con 14 compagini provenienti da 12 paesi: Inghilterra, Galles, Irlanda, Francia, Slovenia, Spagna, Svizzera, Polonia, Repubblica Ceca e, grande novità SCOZIA, MALTA e SAN MARINO. Sarà bagarre con le migliori squadre italiane: il G.S. Orobie capitanato dal detentore del record Alex Baldaccini (28’21”), l’Atletica Valli Bergamasche vincitrice di due edizioni e alla ricerca della terza vittoria che gli permetterebbe di portare a casa in via definitiva il Trofeo donato dal Comune di Morbegno, La Recastello Radici Group, l’Atletica Valle Brembana, il G.S. Genzianella. Quest’anno, come già avvenne nel 2007, saranno al via due campioni del mondo: Alice Gaggi e lo sloveno Mitja Kosovelj.

 

A breve arriveranno le iscrizioni di tutti gli atleti italiani e si potrà così delineare il quadro completo dei partecipanti.

 

“Ci aspettiamo il record di squadre iscritte – ha commentato senza mezzi termini il presidente Ruffoni – tanti stranieri ma anche tante squadre locali per le quali il Trofeo Vanoni è un appuntamento da non perdere”. “Vi aspetto tutti sul percorso per tifare gli atleti in gara, lo spettacolo non mancherà di certo”.