PASSERELLA TRIONFALE PER ALICE GAGGI

Morbegno ha accolto al suo rientro dalla Polonia la nuova regina della corsa in montagna: Alice Gaggi.
Festa a sorpresa in piazza S. Antonio con circa 200 persone tra amici, parenti, fans e autorità lunedì 9 settembre.
Alice è scesa dall'auto visibilmente commossa per l'accoglienza nella cittadina che l'ha adottata dopo il matrimonio con Giovanni Tacchini, visto che lei è nata e cresciuta a Faedo. La prima ad abbracciarla è stata il Sindaco Alba Rapella:"Grazie Alice, sono veramente orgogliosa come Sindaco e come donna per il tuo successo. Grazie soprattutto perchè ci hai regalato un sogno e hai dimostrato che ai sogni bisogna credere. Sei un belississimo esempio per tutti i nostri giovani". Poi il consigliere regionale Fidal Alberto Rampa:"Alice ha iniziato a correre alle scuole medie e grazie al sostegno della famiglia e di una società sportiva come il G.S. Valgerola ha continuato a crescere fino ad ottenere questo importantissimo successo". Senza parole il suo ex presidente Maurizio Piganzoli:"Per me Alice è come una figlia, ha iniziato a correre da piccola con noi e l'abbiamo vista crescere sotto i nostri occhi". E poi spazio a chi con Alice ha condiviso tanti anni di fatiche: la mamma, giustamente orgogliosa di avere una figlia atleta come Alice (ma non dimentichiamo papà Donato compagno di tanti allenamenti e di tante trasferte) e l'allenatore Gianni Fransci. Quest'ultimo ha confidato:"Tutti dipingono Alice come timida e dolce, ma è anche molto determinata e tenace. Soprattutto è una ragazza con la "testa da atleta" che si impegna quotidianamente in allenamenti molto duri". Un successo venuto un po' a sorpresa, come molti hanno detto, eppure Alice aveva già dimostrato di saper andar forte alle ultime due prove del campionato italiano. "La fase non particolarmente brillante a inizio stagione e la mancata convocazione agli Europei all'inizio è stata una delusione - ha confessato l'allenatore Fransci - ma alla fine si è rivelata un'ottima cosa perchè siamo riusciti a partire subito con allenamenti impegnati e arrivare al top della forma per i Mondiali". La Gaggi ha costruito la sua vittoria nel tratto finale di discesa dove è riuscita a riagguantare l'inglese Emma Clayton:"Alice in discesa è veramente forte - ha spiegato Fransci - ci siamo allenamenti duramente per la discesa e la scelta è stata vincente". "La fortuna aiuta gli audaci" ed Alice in Polonia ha veramente osato il tutto per tutto, ben consapevole dei suo mezzi, ottenendo così la medaglia d'oro, sia individuale che a squadre grazie agli ottimi piazzamenti delle altre italiane (Elisa Desco terza, Antonella Confortola settimana, Samantha Galassi quindicesima).
Alla fine è toccato proprio ad Alice trovare le parole per ringraziare tutti:"Pensavo che le emozioni più forti fossero passate, invece vedervi tutti qui per festeggiarmi mi ha commosso. Grazie a tutti voi". E l'emozione era palpabile tra tutti i presenti: quando i volontari dei Vigili del Fuoco hanno fatto partire la sirena al sopraggiungere di Alice in via Vanoni a tutti è venuta la pelle d'oca. Quando poi la neocampionessa mondiale di corsa in montagna si è fatta abbracciare dalla folla molti si sono commossi. E come non esserlo per un successo del genere, ma soprattutto per una ragazza veramente speciale che ha affrontato ogni giorno (ricordiamo che non è un'atleta professionista tesserata per club militari) allenamenti faticosi e impegnativi, con costanza, impegno e determinazione. Ed ora che è la regina della corsa in montagna ha salutato tutti con il consueto radioso sorriso e con la consueta umiltà. Grazie Alice!

PHOTOGALLERY (ph. Francesco Lietti)