CAMPIONATI ITALIANI CORSA IN MONTAGNA: Elisa Desco campionessa italiana di corsa in montagna, argento per Alice Gaggi e appena giù dal podio Sarah Lhansour

Terza e ultima prova del campionato italiano di corsa in montagna domenica 18 agosto u.s. a San Giacomo di Brentonico (TN) grazie all’organizzazione della Lagarina Crus Team che ha allestito un circuito di 4,2 km da ripetersi più volte in base alla categoria. Il podio assoluto femminile è stato monopolizzato dalla Valtellina: in primis Elisa Desco, la cuneese trapiantata a Bormio e tesserata per l’Atletica Alta Valtellina, che ha vinto la gara di Brentonico e si è portata a casa il titolo italiano, il secondo quest’anno dopo quello già conquistato nelle lunghe distanze a Sondalo, mentre il secondo posto di giornata e l’argento tricolore l’ha conquistato Alice Gaggi, valtellinese doc tesserata per il Runner Team 99 di Volpiano. Da citare anche l’11° posto assoluto di Elisa Compagnoni (Atletica Alta Valtellina) e il 3° posto tra le promesse di Sara Lhansour (G.S. Valgerola Ciapparelli). “Sono soddisfatta, ho fatto una bella gara – ha raccontato Alice Gaggi – nel primo giro ho pure provato ad attaccare Elisa in discesa, ma non mi ha mai mollata e nel secondo giro ha allungato. Ora mi aspettano tre settimane di raduno al Sestriere in preparazione dei mondiali che si svolgeranno a settembre in Polonia”. A livello maschile, Bernard De Dematteis (Postica Valle Varaita) con già il titolo in tasca dopo la vittoria delle prime due prove, non si è accontentato di fare passerella, ma ha dominato la gara, anche se nel finale Alex Baldaccini (G.S. Orobie) è stato autore di una grandissima rimonta, ma il bergamasco si è dovuto accontentare dell’ennesimo secondo posto (in tutte le prove dell’italiano e nel campionato europeo). In gara, anche Emanuele Manzi (G.S. Forestale) che ha conquistato un ottimo 8° posto, il sondalino Massimiliano Zanaboni (Atletiva Valli Bergamasche) 14°, entrambi reduci dai mondiali lunghe distanze, per il G.S. CSI Morbegno Rovagnati Autotorino, ha corso Giovanni Tacchini che ha chiuso al 41° posto, mentre al 47° posto, ma 8° tra le promesse, si è piazzato Mirko Bertolini (G.P. Talamona Comosystemi Malugani). Negli junior Fabio Bulanti (G.S. CSI Morbegno Rovagnati Autotorino) è 8°. “Gli altri sono andati veramente forte – ha confessato il morbegnese – io ho faticato molto e non sono mai riuscito ad entrare veramente in gara, peccato”.

Nella classifica finale del campionato italiano Sara Lhansour e Mirko Bertolini sono quarti tra le promesse, mentre Bulanti è 7° tra gli junior.