38a INTERNATION SNOWDON-RACE. Guido Rovedatti (G.P. Talamona) e Saverio Monti (CSI Morbegno) in rapppresentanza ad una delle più antiche corse in montagna

Guido Rovedatti
Guido Rovedatti

La suggestività dell’ascesa al Monte Snowdon ed il ritorno al villaggio lacustre, forniscono a questa gara un fascino inimmaginabile, il tutto “condito” da panorami “mozzafiato” nell’ambito naturalistico dello Snowdonia National Park.  

 

Data la contemporaneità con i “tricolori” di Arco, non è stato possibile portare i migliori Azzurri; tuttavia i valtellinesi Guido Rovedatti (G.P. Talamona) e Saverio Monti (CSI Morbegno) si sono onorevolmente “difesi” ottenendo, rispettivamente, la 16° e la 22° piazza

 

Gli atleti sono stati accompagnati dal volitivo rappresentante del CSI Morbegno, Gianpietro Bottà (uno degli artefici del gemellaggio tra Morbegno e la cittadina gallese, n.d.r.) e dal Tecnico federale Fabrizio Anselmo, presente per l’occasione per instaurare rapporti diplomatici e visionare il percorso candidato ad ospitare i prossimi mondiali.

 

Per dovere di cronaca, la vittoria è stata “conquistata” dall’inglese Andi Jones in 1h08’50’, argento per lo scozzese Strain Murray (1h10’14”) e bronzo per l’altro inglese Rob Hope (1h10’54”).

 

Al femminile, successo per l’irlandese dell’Eire Sarah Mulligan (1h26’28”) davanti alla scozzese Jill Mykura ed alla gallese Jackee Lee.